Chiodelli F. (2010), “Enclaves private a carattere residenziale: il caso del co-housing”, Rassegna Italiana di Sociologia, 51(1): 95-116.

Abstract

Per quanto negli ultimi tempi stia ricevendo una crescente attenzione pubblica, quello del cohousing è un fenomeno dai contorni ancora piuttosto sfumati, per il quale, ad un livello di interesse e curiosità abbastanza elevato, corrisponde uno scarso lavoro analitico ed una lettura spesso acriticamente agiografica.
Scopo del presente lavoro è quindi quello di proporre una riflessione critica, che, mediante un’analisi tassonomica e una confronto con le gated communities, riconduca la coabitazione all’interno della “famiglia” a cui appartiene, quella delle comunità contrattuali (comunità residenziali a carattere privato), della quale condivide tutte le problematicità
Il paper è, a tale scopo, diviso in due sezioni. Nella prima (§ 1) si traccia una panoramica descrittiva del cohousing; nella seconda (§ 2 e 3), dopo la proposta tassonomica, se ne analizzano i caratteri tipici e se ne mettono in luce le principali criticità.

Keywords: cohousing, gated communities, comunità, associazionismo residenziale

Versioni precedenti o analoghe liberamente scaricabili
Un primissimo draft del paper (in una versione estremamente sintetica) è
Chiodelli F. (2009), “Abbasso il cohousing? Analogie e differenze fra cohousing e cosiddette gated communities”, XXX Conferenza Italiana di Scienze Regionali, Firenze, 9-12 settembre 2009